Servono ancora le buone maniere?

1

Qualche giorno fa ero in anticipo come mio solito. Il mio concetto di puntualità è arrivare 5 minuti prima ed anche quando mi sono sforzata di arrivare in ritardo, qualche imprevisto mi ha fatto comunque arrivare puntuale. Per ingannare l’attesa ho fatto un giro in libreria imbattendomi in un testo che parlava di galateo moderno. È vero che oggi la maggior parte della forma di cui si compone il galateo è anacronistica. L’arte di ricevere è un lusso che pochi possono esercitare, visto che nella maggior parte delle case a malapena si riesce ad apparecchiare per 4 e per fortuna (o purtroppo secondo altri) le differenze sociali si sono livellate togliendo tutta quella necessità di riguardo verso istituzioni ora prive di significato. Penso però che senz’altro vada salvata una parte del messaggio del galateo, che è quello delle attenzioni per gli altri. Perché molte persone che incontri tutti i giorni fanno fatica a dire “Buongiorno?”. Capisco che spesso quando si fa la domanda retorica “come va?” non si ha alcun interesse a sentire la risposta, mentre molti credono davvero che si voglia proprio sapere come stanno, dove vanno, cosa fanno e anche se ti vedono di fretta, ti relazionano con un vero e proprio bollettino medico.

…continua sotto…

Secondo me però, quello che si è proprio perso è il senso del dovere di chi ritiene di essere superiore. Spesso il ruolo che ricopriamo nella società non è solo dato dal merito, ma anche dalla sorte. Una maggiore istruzione, un maggiore accesso a certi mezzi, uno stile di vita più agiato sono molte volte una fortuna. Se si è avuta questa fortuna anziché farla pesare a chi quotidianamente si pone soprattutto il problema della sopravvivenza, si dovrebbe invece essere consapevoli della maggiore responsabilità che si ha. Il galateo insegnava anche questo. A non mettere a disagio chi meno ha, chi meno sa, chi meno può. L’ignoranza può essere talvolta ammessa, ma la malignità è quasi sempre una colpa.

Discussion1 commento

  1. servono eccome! come quando entrando in un negozio e saluti, co’ che ti ritorna e’ solo silenzio. le commesse spesso non ti vedono nemmeno

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close