Senza scatto alla risposta: da PezzoDiCuore

0

Spesso con le mie amichette quasi tutte bionde, davanti ad una birra o un buon rosso a seconda dei casi, disquisiamo di maschi. Perché a molti uomini d’oggi basta solo il virtuale? È possibile che sia già appagante di per se, sapere che potrebbero, senza bisogno di andare necessariamente oltre? Oppure è colpa delle donne, percepite come troppo aggressive e poco rassicuranti?

Cosa rende difficile la comunicazione facendo si che probabili storie nascenti si arenino al primo ostacolo, dopo che magari ci è venuta la gastrite a suon di caffè alla macchinetta prima di strappare un appuntamento?

Tanti interrogativi si affollano, ma spesso temo che si tratti di spiegazioni più semplici. Io – ad esempio – seguo uno schema. Flirto solo con chi ha il mio stesso operatore telefonico, di modo da ammortizzare i 300 messaggi giornalieri gratuiti. Nulla di personale, sia chiaro.

Ecco perché non bisogna mai fraintendere. Se non richiama non è perché non gli piacciamo, o perché si sta chiedendo se siamo adatte a garantirgli una discendenza adeguata. Magari è solo scaduta la promozione sulle chiamate ed alla prossima offerta si farò vivo.

Eh.. lo so, c’è una bella dose di presunzione a pensare che vi possa interessare quello che scrivo qui. La mia è una vita normale: faccio un lavoro che amo, e infatti conto di ritirarmi tra sette anni esatti a coltivare pomodori e leggere in riva al mare. Vivo in una casa delle bambole (cioè minuscola) con il mio bimbo di 8 anni, noto ai più con tanti soprannomi di cui il più gettonato è PDC, traduzione dal napoletano di piezz’e core, letteralmente Pezzo di Cuore, un piccolo rugbista che mi placca mentre faccio il risotto, non ha più un dente davanti, e non si capacita che ci sia la scuola dell’obbligo.

Il mio tesoro più grande è l’amicizia: la mia ciccina bionda che mi conosce meglio di me stessa, i giri di birre dopo un allenamento di touch, la mia metà (la mia sorella gemella, forse un mio terzo, i due terzi li faccio io) e anche una bella sigaretta sul balcone, alla sera, quando finisce un’altra giornata e finalmente nella casa delle bambole tutto tace.

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close