Quanto annaffiare il bonsai in inverno? In caso di dubbio, meglio poco che troppo!

0

bonsai-acquaQuando abbiamo chiesto all’esperto quanto fosse necessario annaffiare i bonsai che teniamo in casa durante i mesi invernali, la prima risposta che abbiamo ricevuto è stata: ‘Vedo tante piante morte per la troppa acqua, ma mai nessuna per via del secco!’.
Ci ha spiegato successivamente come capiti relativamente di rado di vedere delle piante da appartamento morte per non essere state sufficientemente annaffiate, mentre frequentissimi siano i casi di bonsai che, a causa dell’umidità eccessiva, sviluppano marciume radicale e patologie che, se non affrontate in tempo o non riconosciute prontamente, possono portare alla morte dell’esemplare.
bonsai-acqua-5I bonsai che teniamo in casa durante i mesi più freddi soffrono inevitabilmente dell’insufficienza della luce naturale. La mancanza di un elemento fondamentale come la luce rallenta l’attività metabolica della pianta. Rallentato il metabolismo, risulterà rallentata anche la funzionalità delle radici, con la conseguente riduzione del consumo di acqua. Se si continuasse ad annaffiare il bonsai somministrandogli in tutte le stagioni sempre la

bonsai-acqua-0stessa quantità di acqua senza considerare le sue effettive esigenze (senza verificare quindi se la terra risulti asciutta in superficie) rischieremmo di provocargli uno stress da eccessiva umidità.
Paradossalmente, la sofferenza della pianta per troppa acqua ha sintomi analoghi a quelli provocati dalla mancanza d’acqua. Quando la terra è costantemente bagnata, infatti, viene a mancare l’aria necessaria alle radici per bruciare gli zuccheri prodotti dalle foglie, utilizzati per la crescita, per la funzione di assorbimento e per tutte le funzioni vitali ad essa associate. E se le radici non sono attive e funzionali, la parte aerea non riceve acqua e sostanze nutritive (appunto come nel colpo di secco, quando però il mancato assorbimento da parte delle radici è dovuto all’effettiva mancanza d’acqua).

(Un ringraziamento a Mauro per i preziosi consigli e per averci fornito la bibliografia specifica)

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close