Più testosterone per tutti

0

Basta!!!!

Sono stufa assai di tutte le dinamiche di potere e delle piccolezze a cui soccombere.

Dunque, problema numero uno: perché se sei attento/a, professionale, puntuale, se ti preoccupi delle conseguenze delle tue azioni, se ti dai pena di non cagionare danno all’anello della catena che ti segue, ti devi sentire un alieno/a?

Questo sarebbe il meno, siamo allenati ad incompetenza ed improvvisazione, visto che già dai massimi vertici politici, ci viene insegnato con l’esempio (tuttora il miglior mezzo educativo) che darsi da fare (nel senso etico del termine) non paga. Nessuno stupore quindi se anche nella quotidianità di provincia, ti vedi sorpassare da persone senza arte nè parte, ma che posseggono il magico dono (soprattutto se femmine) di non pensare ma semplicemente annuire sorridendo o seguire l’onda. Lo stupore è invece legittimo, quando ti accorgi che ad essere alieni siamo in tanti, e che quindi la maggioranza – quando servirebbe – non serve invece a niente.

Però per una volta non voglio scagliarmi contro le donne che fanno un uso improprio di sé stesse per fare carriera.

Vorrei passare al problema numero due: il maschio al potere e le sue paturnie.

Il lato a) dell’essere maschi (senza generalizzare, ma ahimè siete in tanti a reagire così) é la sindrome della clava. Non gli si può mai dar torto, non gli si può mai attribuire, nemmeno di striscio, una parvenza di colpa. Non gli si può rispondere con toni vagamente alterati, perché sennò si ferisce questa bizzarra creatura fragile ed indifesa: l’ego.

Ecco quindi che se mandi una mail dai toni un po’ feroci, ancorchè legittimi, la risposta non terrà alcun conto dell’oggetto di discussione, ma sarà volta solo ed esclusivamente a ristabilire l’unico equilibrio noto: io Tarzan, tu Jane.

Meno male che da anni subiamo questo continuo pregiudizio di essere noi donne preda dei nostri apparati riproduttivi, noi incapaci di mantenere la calma, noi emotive ed instabili.

Non si capisce quindi perché (passiamo al lato b dell’essere maschi al potere – sequenza di lettere che non ho scelto a caso) non appena la stessa osservazione viene mossa da una simpatica collega, di quelle che indossano minigonne che sembrano solo cinture con una disinvoltura che vorrei avere a volte anch’io, l’osservazione sia pertinente.

Non si capisce perché se sei bionda e carina (con tutta la stima e l’affetto che ho per le bionde, di cui mi circondo continuamente stimandole sinceramente dal profondo del mio cuore – senza ironia alcuna) automaticamente hai sempre ragione.

Diventare bionda mi è troppo complicato.

Opterò per l’imparare a miagolare.

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close