LEIELUI di Andrea De Carlo

0

Non so voi, ma degli autori che in qualche modo mi rimangono dentro, devo comprare e leggere ogni nuovo libro. De Carlo è uno di questi, anche se la costante dei suoi personaggi è che sono sempre indisponenti.

Non si presentano mai, nemmeno all’inizio, come perfetti o affascinanti, ma hanno sempre qualcosa che già da subito urta i nervi. D’altra parte anche la realtà è così, piena di sfaccettature e risvolti anomali, sul più bello che ti adagi, arriva un evento imprevisto.

Come suggerisce il titolo, si tratta di una storia d’amore. I nomi e le vite dei personaggi sono irrilevanti, perché quello che vivono e provano appartiene a tutte le storie d’amore, quelle degne di essere vissute, almeno.

Ad esempio quanto sia vero che spesso proprio ciò che ci attrae diventa ciò che ci allontana o anche “quanto è sottile il passaggio dall’apprezzare le caratteristiche di qualcuno al volerle cambiare”. In fondo una delle cause principali delle rotture non è la delusione di non aver finalmente trovato nell’altro quello che abbiamo cercato a lungo?

Clare e Daniel si esercitano nell’avvicinarsi prima con cautela e poi con sempre maggiore urgenza, in fondo quando si cede all’attrazione si dimenticano presto le delusioni precedenti. Ci si pone nella modalità “colloquio di lavoro” cercando di dare il meglio di se, salvo poi rendersi conto che in fondo l’attesa rimane la parte migliore.

E poi una volta trovato ciò che si cercava (o proprio perché si cercava) inizia la fatica di mantenere le aspettative, incapaci di sottrarsi a scelte considerate ovvie ed inevitabili (come la convivenza) in un balletto in cui uno dei due pressa, mentre l’altro si sottrae, e viceversa. Finché si decide di ignorare la delusione per essersi sbagliati, lasciandosi trascinare sempre più senza riuscire a disincagliarsi.

Il romanzo suggerisce che anche se sappiamo già come andrà a finire (e che andrà a finire) non riusciamo comunque a non cercare la storia della vita. E nonostante il loro apparente cinismo ed anticonformismo anche Clare e Daniel cercano la famosa metà della mela, che ci corrisponde alla perfezione, ci completa e ci placa.

.

Scritto da Barbara per NaturaDonna, febbraio 2011

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close