naturadonna

feed Articoli | Commenti

Je t’aime, moi non plus

0 commenti
Je t’aime, moi non plus

Poiché meritano una categoria a parte, nell’elenco degli ex mancavano quelli che non ci amano più.

Ne parlavo ieri con una delle mie amiche bionde, mentre tra un pelo e l’altro constatavamo come sempre più spesso ci capiti di raccogliere le confidenze di innamorati delusi, che non se ne fanno una ragione.

La cosa sorprendente è che la categoria è composta soprattutto da maschi.

Ho un amico che regolarmente inizia delle storie che poi, altrettanto regolarmente, vanno a finire male.

Lui non se ne capacita, convinto di essere vittima di un destino ingrato e non riesce mai ad accettare un’altra fine: “io non ho fatto niente di male, perché mi ha lasciato?”.

Non è necessario sconfinare nella cronaca nera (anche se poi l’evoluzione negativa di questo pensiero è spesso “se non sei mia, non sarai di nessuno”) anche perché i miei amici di solito si limitano a soffrire come cani, senza sfogare questo dolore sul presunto oggetto d’amore.

Tuttavia è interessante soffermarsi sul perché ci si convinca che se si ama e non si commette nessun errore evidente, allora si deve essere ricambiati. E’ così difficile accettare che una persona non ci ami più (o si renda conto di non averci mai amati davvero)?

La sottoscritta è molto quadrata e logica e crede nella necessità che ognuno di noi sia libero (sempre ovviamente col corollario che la nostra libertà finisce, dove inizia quella degli altri).

Che ci si innamora e ci si disamora ed è perfettamente normale e legittimo. Invece spesso, convinti che sia più facile accettare che la causa siano eventi esterni, ci si inventano problemi che non ci sono o cause contingenti per rendere meno amaro il boccone da mandar giù. O si tradisce, pensando che così, per ovvia deduzione, l’altro capisca che il sentimento è finito.

Mentre infondo, quali che siano gli eventi scatenanti, la risposta a qualsiasi domanda è sempre la stessa:

- perché?

- perché non ti amo più.

Questa è la risposta alle fughe, ai tradimenti, agli abbandoni, alle menzogne. Poi ci sono i dettagli, magari non è vero che non ti amo più, forse solo non ti amo abbastanza, o non ne ho le forze ora, o non ne sono più capace, perché la mia vita ha preso una direzione che io stesso/a non avevo previsto. Ma la sintesi è sempre la stessa.

Nel caso del mio amico, in realtà nemmeno lui le ama, ma ripete sempre lo stesso schema scegliendo donne con le quali inevitabilmente andrà a finire così. Anche noi donne commettiamo lo stesso errore, di iniziare con un presupposto sbagliato convinte che poi riusciremo a raddrizzare la rotta.

Ma questa è un’altra storia, che svilupperemo nella prossima puntata.

pezzo di cuore lb Je taime, moi non plus



    pezzo-di-cuore-r
    Girls & The City 3

    Che tre amiche dotate di prole riescano a ritagliarsi una serata da sole, è altrettanto probabile del calo del prezzo della benzina, ma a volte...


    pezzo-di-cuore-b
    Il Danno: da PezzoDiCuore

    Quando ho letto il romanzo di Josephine Hart la prima volta, non ci ho pensato subito. Forse perché ero ancora davvero giovane e possedevo ancora...


    pezzo-di-cuore-p
    Junior: da PezzoDiCuore

    Avvertenza: sarò molto poco trendy ed anche meno politically correct. Lettori avvisati... Ho sempre sostenuto che non sono per la parità dei...


    pezzo-di-cuore-y
    Bye Bye Love: da PezzoDiCuore

    Dove eravamo rimaste? Ah, si, all'abitudine tipicamente femminile di credere che le persone cambino del tutto. Sia noi, che loro, i maschi. In...


    pezzo-di-cuore-db2
    Sliding Doors: da PezzoDiCuore

    Arriva prima o poi il momento in cui si perde la "verginità" sentimentale. La linea di confine tra PRIMA e DOPO è di solito delimitata da...


    pezzo-di-cuore-r
    Non è un mondo per madri che lavorano

    Ieri sera alle 7, dopo sole 11 ore di ufficio filate senza nemmeno pranzare (dovrei essere Claudia Schiffer per quanto digiuno) telefono alla...


Lascia un commento

Powered by sweet Captcha