naturadonna

feed Articoli | Commenti

Girls & The City 3

0 commenti
Girls & The City 3

Che tre amiche dotate di prole riescano a ritagliarsi una serata da sole, è altrettanto probabile del calo del prezzo della benzina, ma a volte capita.

Nello slalom tra otiti, 38 di febbre, riunioni al lavoro e lavatrici piene di fango, finalmente una serata senza marmocchi al seguito.

Le Girls ci sono, la City un po’ meno, visto che alle 9 di sera non c’è anima viva in giro e succede che, invece di incontrare Mr Big mentre sorseggi languida un Cosmopolitan, ti spengono le luci perché c’è la partita in tv e magari si può chiudere un po’ prima. Ma non importa.

L’importante è un buon bicchiere di rosso, davanti al quale parlare di tutto e di niente.

Dei mariti (chi ce li ha) e dei compagni di viaggio per chi è da sola.

Dei figli che nascono e dei figli che crescono.

Si può essere d’accordo su tutto o non trovarsi d’accordo su niente.

Quello che mi piace della “sorellanza” tra donne è che – anche se rare – ci sono persone con cui si riesce a non restare solo in superficie e raccontare e raccontarsi oltre la banale apparenza.

Così come le donne sanno essere feroci l’una con l’altra come nessuno mai, altrettanto sanno stringersi l’una all’altra nel momento del bisogno, sia un pannolino da cambiare, o una decisione di vita o di morte da condividere.

In questa settimana ricca di amiche è capitato di addormentarsi sul divano ascoltando l’ennesima litania sul fidanzato che non si sa come lasciare, ma di essere perdonata “sei cotta, dai vado a casa, ti scrivo domani” senza che questo abbia intaccato minimamente l’equilibro esistente.

E’ capitato di passare il venerdì sera in ospedale con un’altra signorina e l’amica che sta “resistendo” per aspettare ancora un po’ a scodellare il suo Piezz’e Core; di cercare di non ridere troppo forte prendendosi in giro, di raccontare di altre nascite, mentre la sottoscritta raccontava che “si, ho sempre detto che il parto è cosa da donne e gli uomini non devono assistere, che si impressionano” salvo poi essere accontentata anche troppo, che non si è visto nessuno allora come nei dieci anni a venire.

Di aver bisogno anche delle amiche più preziose, non solo quelle con cui si può parlare, ma quelle con cui puoi restare anche in silenzio, ma capirti comunque.

pezzo di cuore r Girls & The City 3

 



    pezzo-di-cuore-b
    Il Danno: da PezzoDiCuore

    Quando ho letto il romanzo di Josephine Hart la prima volta, non ci ho pensato subito. Forse perché ero ancora davvero giovane e possedevo ancora...


    pezzo-di-cuore-p
    Junior: da PezzoDiCuore

    Avvertenza: sarò molto poco trendy ed anche meno politically correct. Lettori avvisati... Ho sempre sostenuto che non sono per la parità dei...


    pezzo-di-cuore-y
    Bye Bye Love: da PezzoDiCuore

    Dove eravamo rimaste? Ah, si, all'abitudine tipicamente femminile di credere che le persone cambino del tutto. Sia noi, che loro, i maschi. In...


    pezzo-di-cuore-lb
    Je t’aime, moi non plus

    Poiché meritano una categoria a parte, nell'elenco degli ex mancavano quelli che non ci amano più. Ne parlavo ieri con una delle mie amiche...


    pezzo-di-cuore-db2
    Sliding Doors: da PezzoDiCuore

    Arriva prima o poi il momento in cui si perde la "verginità" sentimentale. La linea di confine tra PRIMA e DOPO è di solito delimitata da...


    pezzo-di-cuore-r
    Non è un mondo per madri che lavorano

    Ieri sera alle 7, dopo sole 11 ore di ufficio filate senza nemmeno pranzare (dovrei essere Claudia Schiffer per quanto digiuno) telefono alla...


Lascia un commento

Powered by sweet Captcha