Desperate Housewives: da Pezzo di Cuore

0

Non capita anche a voi talvolta di desiderare giornate da 40 ore?

A dire il vero le 24 in dotazione sarebbero sufficienti ed abbondanti se non ne dedicassi almeno il 40% a procacciare il cibo per la prole e non avessi la disdicevole abitudine di dormire di notte, ogni tanto. Meno male che almeno in ufficio traggo massima soddisfazione, non fosse per la sensazione costante di essere su Scherzi a Parte nei giorni buoni o nel Truman Show in quelli più pesanti.

Continua sotto…

Non è surreale che dedichiamo solo i ritagli di tempo alla vita vera? Intendo a CiccioPiccolo, alla TortaAlCioccolato, al tapis roulant che staziona mesto in un angolo della mia stanza, trasformato in appendiabiti o semplice oggetto di arredamento, alle passeggiate in collina conversando con un’amica o ad ascoltare la nonna che racconta dove si trovano i migliori fagioli da mettere in congelatore per l’inverno in arrivo?

Lo so devo essere realista e non si vive con le chiacchiere. Chi lo sa meglio di me, soprannominata in ufficio la “farmacista” per questo vizio incorreggibile di aspettarsi che 2+2 faccia sempre 4?

Ma se togliamo le almeno 9/10 ore dedicate al lavoro ed agli spostamenti vari, le incombenze domestiche su cui non vi tedio (essendo stata graziata dall’età che avanza e che ti fa perdere diottrie, così che anche la polvere poi può diventare più sopportabile) e gli oneri di madri e di figlie, cosa ci rimane? Già ho segnalato come sia impreciso compilare un modulo ferie al lavoro se poi usi quelle ore per andare dal dentista, dal pediatra, in assicurazione o alla riunione scolastica.

Nemmeno l’Uomo Ragno, che pure se ne intendeva di acrobazie, fa la ceretta come me alle 9 di sera e prende le decisioni importanti sotto la doccia alle 6 di mattina, perché è l’unico momento in cui non c’è nessuno che mi parla e mi posso concentrare.

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close