Come curare l’insonnia in modo naturale: i rimedi

1

Ecco alcuni rimedi e suggerimenti naturali per curare e risolvere il problema dell’insonnia, tutelando così il nostro benessere fisico e psicologico.

Curare l’insonnia: LE CAUSE
Escludendo situazioni patologiche, nel soggetto sano l’insonnia può essere provocata da alcuni fattori di disagio quali possono essere stress, ipereccitazione nervosa o attività fisica troppo intensa e prolungata.
In caso l’insonnia sia provocata da situazioni temporanee come un forte raffreddore, un’influenza o una tosse insistente che costringono a continui risvegli durante il sonno per difficoltà respiratorie, sarà sufficiente attendere che la situazione di indisposizione passi per vedere scomparire l’insonnia. D’altro canto, se fattori di disagio persistono diventando un problema costante che conduce l’organismo a disordini del sonno, allora sarà necessario modificare le nostre abitudini quotidiane per sconfiggere l’insonnia.

Curare l’insonnia: EVITARE LA CAFFEINA
Chi soffre d’insonnia dovrà porre particolare attenzione ai cibi ed alle bevande che utilizzerà: evitare quindi o limitare al massimo cibi e bevande contenenti alcool, caffeina e altre sostanze eccitanti, soprattutto nel pomeriggio ed alla sera. Tali cibi e bevande includono caffè, tè, cola, energy drinks e cioccolato.

Curare l’insonnia: NIENTE CIBO PRIMA DI DORMIRE
In una certa misura anche alcune tipologie di alimentazione possono favorire l’insorgere dell’insonnia, soprattutto nei soggetti predisposti. La digestione, infatti, essendo un processo impegnativo per il corpo, che innesca una serie di complessi meccanismi metabolici, deve avvenire possibilmente lontano dalle ore notturne, in quanto nelle ore preposte al riposo il corpo è impegnato in operazioni di depurazione e di rigenerazione cellulare.
Una regola valida quindi per tutti è quella di non cenare tardi e consumare pasti serali leggeri e comunque di non mangiare almeno nelle 2-3 ore che precedono il sonno. Nello stesso modo è sconsigliato coricarsi a stomaco vuoto. E’ suggeribile evitare nel pasto serale cibi troppo speziati, grassi, ricchi di sale o fritti. Una tazza di camomilla oppure un bicchiere di latte caldo con del miele avranno poi un effetto calmante e ci aiuteranno a rilassarci. 

Curare l’insonnia: ANDARE A DORMIRE CALMI
Cercate di non dedicarvi ad attività che creano tensione o agitazione prima di andare a dormire. Evitate quindi film suspense o dell’orrore poco prima di coricarvi e limitate attività che richiedano grande impegno muscolare e fisico. Anche una animata discussione serale può creare agitazione e preoccupazione che potrebbero interferire sulla qualità del sonno: rimandate quindi se possibile situazioni simili ad altri momenti della giornata. Dedicatevi piuttosto ad una tranquilla passeggiata nella natura o alla lettura di un libro rilassante. Un bagno caldo aromatizzato da oli essenziali vi porterà poi il migliore effetto calmante per preparavi ad un sonno ristoratore.

Curare l’insonnia: RENDERE IL SONNO CONFORTEVOLE
Per un corretto riposo durante il vostro sonno è importante che materasso e cuscino siano comodi e che la temperatura dell’ambiente sia adeguata e confortevole. E’ consigliabile utilizzare biancheria da letto e indumenti personali in fibre naturali; inoltre è opportuno assicurarsi dell’assenza di odori, profumi e suoni troppo intensi che potrebbero interferire con il sonno. A questo scopo, arieggiare la camera prima di andare a dormire e utilizzare tappi per orecchie in caso non fosse possibile eliminare suoni che potrebbero disturbare il vostro sonno.

Curare l’insonnia: EVITARE ORARI DISORDINATI
Per combattere l’insonnia è importante rispettare una certa regolarità negli orari dedicati al sonno: coricarsi e alzarsi dal letto possibilmente alle stesse ore ogni giorno, in modo da permettere all’organismo di adattarsi ai giusti ritmi di sonno-veglia e di riprodurli dopo un certo periodo senza sforzo. Orari del sonno disordinati anche solo per un paio di settimane possono infatti portare ad un disagio dell’organismo che si manifesta con episodi di insonnia e disturbi del sonno.

Curare l’insonnia: NO ALLE PILLOLE PER DORMIRE
I farmaci possono essere d’aiuto in caso di insonnia, ma non dobbiamo dimenticare che molti dei farmaci che vengono venduti anche come farmaci da banco possono avere effetti collaterali indesiderati. Se questi prodotti non vengono opportunamente prescritti dal medico, possono rivelarsi rimedi anche totalmente inadeguati e dannosi. E’ necessario considerare che molti di questi farmaci non possono essere utilizzati per un lungo periodo di tempo, a causa di possibili effetti collaterali e per evitare l’assuefazione, che costringerebbe a somministrazioni sempre maggiori
L’utilizzo dei farmaci per dormire fornisce inoltre vantaggi limitati in quanto il farmaco agisce solamente sul sintomo, senza curare la matrice del problema, e spesso può portare a forme di dipendenza psicologica e fisica fino a sostituirsi alle naturali risorse di guarigione che l’organismo è in grado di produrre in modo autonomo.

I farmaci non sono quindi una soluzione definitiva contro l’insonnia. 

Curare l’insonnia: LA FITOTERAPIA COME CURA NATURALE
La moderna fitoterapia può essere di grande aiuto per affrontare e risolvere il problema dell’insonnia in maniera efficace e naturale, rispettando i delicati equilibri del corpo.
Alcune piante come la valeriana, la melissa, la passiflora e l’escolzia sono impiegate da secoli per aiutare chi soffre di insonnia o di problemi legati al sonno. In casi in cui l’insonnia sia associata a stati d’ansia e depressione possono essere molto utili anche iperico e biancospino.

Discussion1 commento

  1. Ciao,
    mi faccio spesso le tisane di melissa e passiflora per rilassarmi.
    Per dormire (quando non ho tempo per farmi le tisane) uso i fiori di bach anche quelli funzionano.
    Ciaooooooooo

Leave A Reply

Per dimostrare che non sei un programma automatico che genera spam, rispondi a questa domanda

I cookie ci aiutano a fornire i servizi erogati dal nostro sito web. Alcune pagine utilizzano cookie di profilazione di terze parti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di naturadonna. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close